Tu morrai senza di me, ma non si uccide per amore

da Women must go on @Linkiesta

Getta il corpo dell’ex-ragazza, probabilmente tramortito dalle percosse ricevute, dal viadotto e poi si getta anche lui. Accade a Cagli Saimo, 23enne con la fiera convinzione di sentirsi ‘uomo’, ha il forte disagio di essere stato lasciato da Andrea, studentessa 18enne, così la attende sotto casa al rientro di una serata con le amiche, la picchia selvaggiamente, al punto di farle saltare un dente. Non soddisfatto la trascina in auto e la conduce sul viadotto di Fossombrone, gettando il suo corpo da un’altezza di 15 metri. Poi forse preso dai rimorsi o in preda a visioni shakespeariane, si getta anche lui per coronare il suo sogno d’amore-morte. Sopravvivono entrambi, lui ha ferite guaribili in 60 giorni, lei, invece, lotta contro la morte.

Era destino, direbbe qualcuno. Il soggetto agente di questa tragedia, il protagonista è lui: per questo, come in ogni copione, sembra coerente che sia lui a sopravvivere. Lui che organizza, lui che opera, lui che picchia, percuote e massacra. Lui che getta il corpo e che ‘per amore’ decide di gettarsi. Ma lei dove è? Lei è una studentessa, lei è una che ha lasciato, lei è solo un corpo. Un corpo che dopo un delicato intervento lotta tra la vita e la morte. Un corpo di cui disporre a piacimento, un corpo da punire perché ha osato liberarsi.

La tragica violenza subita dal corpo di Andrea sembrerebbe attenuata dalla pazzia di Saimo. Di lui molti direbbero uomo vile, dall’anima ignorante e bestiale, dalle mani incontrollabili, ma non rappresenterebbero a pieno la sua viltà. La violenza che Saimo ha esercitato sulla persona (non sul corpo) di Andrea non si riduce a bassezza d’animo, è intrisa di qualcosa che si conserva nella storia umana attraverso i secoli e al di là dei confini culturali: la proprietà della donna.

Andrea era sua proprietà, Andrea non aveva il diritto di scegliere, Andrea non doveva permettersi di lasciarlo. Saimo sicuramente crede di aver architettato tutto ciò per amore, ne è candidamente convinto, come lo sono stati tutti i suoi predecessori e,anche se alla mente lucida risulta illogico definire un simile gesto come ‘sentimentale’, il violento non percuote, malmena o pesta per disprezzo, picchia per amore. Per quella malsana convinzione che laddove non arrivino le parole, i regali o le dichiarazioni possa arrivare la violenza. Il ‘mia o di nessun altro’ non si riduce a un motivo letterario. Il Don Rodrigo manzoniano è solo un esempio di una simile forma mentis, non tutti i ‘proprietari di donne’ sono, infatti, come La bestia umana di Émile Zola. Non tutti i predatori si percepiscono come psicotici, la maggior parte, se assecondati, possono addirittura rappresentare l’uomo perfetto. Se Lucia avesse favorito Don Rodrigo, probabilmente, avrebbe vissuto nello sfarzo e nell’agiatezza: una bambola in una casa a grandezza umana. Se avesse, ma non l’ha fatto e, per questo, è stata imprigionata. Paradossalmente c’è da chiedersi poi, se pur cedendo all’uomo-padrone, la bambola sarebbe felice per sempre. La risposta è banalmente scontata, vi è il serio rischio che il gioco diventi stancante e che la bambola invecchi, sostituita da una nuova di zecca.

La violenza contro le donne è sì ignoranza e arretratezza, ma è soprattutto un retaggio culturale, narrato e vissuto nei secoli per varie ragioni più volte accennate (mancanza di indipendenza economica, organizzazione sociale, ruolo della famiglia etc etc) ma non trattabili in questa sede. La battaglia per l’emancipazione è sorta con l’obiettivo di liberare anima e corpo delle donne, dare loro voce senza, però, capovolgere il sistema: non si è, infatti, mai razionalmente prospettato un sistema matriarcale. Volendo metaforizzare, con un’immagine nota agli studi femministi: la colonizzata ha sempre e solo chiesto il diritto all’autogoverno. Ma qui, purtroppo, non si parla di teoria, non si disserta sulla grandiosità del pensiero di Spivak o chi per lei. Andrea rischia, infatti, di pagare con la vita il suo diritto alla scelta di essere libera, perché, per molti uomini come Saimo, ancora libera non è.

Questa voce è stata pubblicata in Violenza sulle donne e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tu morrai senza di me, ma non si uccide per amore

  1. Pingback: Tu morrai senza di me, ma non si uccide per amore | SegnalaFeed.It

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...